• Principale
  • Notizia
  • L'opinione globale varia ampiamente sull'uso della tortura contro sospetti terroristi

L'opinione globale varia ampiamente sull'uso della tortura contro sospetti terroristi

È più probabile che gli Stati Uniti affermino che la tortura può essere giustificataIn tutto il mondo, l'opinione pubblica è divisa sul fatto che la tortura sponsorizzata dal governo possa mai essere giustificata come parte degli sforzi per prevenire attacchi terroristici, secondo un'indagine del Pew Research Center della primavera 2015 su 38 nazioni. Una media del 45% in tutti i paesi intervistati ha affermato di non ritenere che l'uso della tortura da parte dei loro governi contro sospetti terroristi per cercare di ottenere informazioni su possibili attacchi nel loro paese possa essere giustificato. Una media del 40% ritiene che l'uso della tortura possa essere giustificato in questi casi.


Guardando all'opinione pubblica nelle principali regioni, l'opinione che la tortura possa essere giustificata è più comune nell'Africa subsahariana, dove una mediana del 55% sostiene questa opinione; è meno comune in America Latina (una mediana del 25%).

Il pubblico statunitense è tra i più propensi a considerare la tortura giustificabile: il 58% lo dice, mentre solo il 37% non è d'accordo. Ci sono solo cinque nazioni nel sondaggio in cui una quota maggiore del pubblico ritiene che la tortura contro sospetti terroristi possa essere giustificata: Uganda (78%), Libano (72%), Israele (62%), Kenya (62%) e Nigeria (61 %).


L'opinione pubblica americana rompe nettamente lungo le linee partigiane e ideologiche su questo tema. Quasi tre repubblicani su quattro (73%) pensano che la tortura possa essere giustificata contro le persone sospettate di terrorismo, rispetto al solo 58% degli indipendenti e al 46% dei democratici. Allo stesso modo, il 69% dei conservatori afferma che può essere giustificato, mentre il 59% dei moderati e il 43% dei liberali sono d'accordo.

In Europa, Stati Uniti, divisione ideologica sul potenziale uso della tortura da parte del governo contro sospetti terroristiLe divisioni ideologiche su questo tema non sono esclusive degli Stati Uniti In tutte e cinque le nazioni dell'Europa occidentale prese in esame, le persone di destra politica sono più propense di quelle di sinistra a credere che il loro governo possa essere giustificato nell'uso della tortura.

Le opinioni delle persone sul potenziale uso della tortura nel loro paese sono fortemente correlate con le loro opinioni sulle pratiche di interrogatorio del governo degli Stati Uniti dopo l'11 settembre.



I paesi con percentuali maggiori di persone che affermano che i propri governi sarebbero giustificati nel torturare sospetti terroristi tendono anche ad avere percentuali maggiori di persone che affermano che l'uso della tortura da parte del governo degli Stati Uniti era giustificato dopo gli attacchi dell'11 settembre.


Le opinioni sulla tortura da parte del governo degli Stati Uniti tracciano opinioni sul potenziale uso della tortura da parte del proprio governo