• Principale
  • Notizia
  • I neri hanno guadagnato nella leadership politica degli Stati Uniti, ma le lacune rimangono

I neri hanno guadagnato nella leadership politica degli Stati Uniti, ma le lacune rimangono

Dieci anni fa, Barack Obama è entrato in carica come il primo presidente nero degli Stati Uniti - un momento di orgoglio per molti americani. L'elezione di Obama ha rappresentato un altro passo avanti nel lento ma costante progresso che i neri hanno compiuto negli ultimi decenni per ottenere una maggiore posizione nella leadership politica, in particolare nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e nei gabinetti dei presidenti recenti. Ma sono rimasti indietro nel Senato e nei governatorati.


Secondo un sondaggio del Pew Research Center del 2016, molti neri considerano la rappresentanza politica un potenziale catalizzatore per una maggiore uguaglianza razziale. Circa quattro adulti neri su dieci (38%) hanno affermato che lavorare per far eleggere un maggior numero di neri sarebbe una tattica molto efficace per i gruppi che si sforzano di aiutare i neri a raggiungere l'uguaglianza. I bianchi erano meno propensi a vedere questo come un modo efficace per aumentare l'uguaglianza razziale (il 24% ha detto che sarebbe stato molto efficace).

I dati degli ultimi 50 anni rivelano la traiettoria ascendente ma irregolare della leadership politica nera in America. Nel 1965, non c'erano neri nel Senato degli Stati Uniti, né c'erano governatori neri. E solo sei membri della Camera dei rappresentanti erano neri. A partire dal 2019, c'è una maggiore rappresentanza in alcune aree: 52 membri della Camera sono neri, mettendo la quota di membri della Casa nera (12%) alla pari con la quota di neri nella popolazione degli Stati Uniti in generale per la prima volta nella storia. Ma in altre aree i cambiamenti sono stati minimi (ci sono tre senatori neri e nessun governatore nero).


La quota di neri che prestavano servizio in un gabinetto presidenziale era pari o superiore alla parità con la popolazione durante le amministrazioni Clinton e George W. Bush. Ma c'era solo un segretario di governo nero durante il primo mandato di Obama, e lo stesso è vero finora nell'amministrazione di Donald Trump.

Il primo senatore americano nero, Hiram R. Revels, un repubblicano del Mississippi, è stato scelto dalla legislatura del suo stato per occupare un seggio vuoto. Ha prestato servizio per un anno, dal 1870 al 1871. Da allora, nove neri americani hanno prestato servizio al Senato, tra cui Edward W. Brooke del Massachusetts (1967-79), Carol Moseley Braun dell'Illinois (1993-99) e Obama. Ma fino al 2013, non c'erano due senatori neri allo stesso tempo. Quell'anno, Tim Scott, R-S.C. E Cory Booker, D-N.J., Entrarono in carica, rendendola la prima volta che più di un senatore nero ha prestato servizio. Kamala Harris, D-Calif., Si è unito ai loro ranghi nel 2017.

Membri della Camera degli Stati Uniti neri, 1965-2019

Data Rappresentanti degli Stati Uniti neri
1965 6
1967 6
1969 10
1971 12
1973 quindici
1975 16
1977 16
1979 16
1981 18
1983 ventuno
1985 venti
1987 22
1989 24
1991 27
1993 39
1995 41
1997 39
1999 37
2001 37
2003 38
2005 40
2007 44
2009 39
2011 43
2013 42
2015 47
2017 47
2019 52

Nota: mostra il numero totale di rappresentanti neri in servizio al Congresso a partire dall'anno in questione. Questi rappresentanti non hanno necessariamente servito simultaneamente o per l'intero Congresso. I dati non includono delegati o commissari non votanti.



Fonte: Directory biografica del Congresso degli Stati Uniti


Pew Research Center

L'attuale 116 ° Congresso comprende 52 rappresentanti neri, un record e un grande aumento dal 1965. (Il deputato Adriano Espaillat, democratico di New York e primo americano domenicano eletto al Congresso, si identifica come un latino di origine africana. Direttorio biografico del Congresso degli Stati Uniti, su cui si basa questa analisi, non conta Espaillat tra i membri neri del Congresso.) Solo uno di questi 52 rappresentanti - Will Hurd del Texas - è repubblicano. Due delegati non votanti, che rappresentano il Distretto di Columbia e le Isole Vergini americane, sono neri. Solo sei rappresentanti erano neri nel 1965 e tutti erano democratici.


Membri del governo degli Stati Uniti neri

Amministrazione % di incarichi di gabinetto ricoperti da neri
Johnson 8%
Nixon, termine 1 0%
Nixon, termine 2 0%
Guado 8%
Carter 7%
Reagan, termine 1 7%
Reagan, termine 2 7%
G.H.W. cespuglio 7%
Clinton, termine 1 27%
Clinton, termine 2 venti%
G.W. Bush, termine 1 19%
G.W. Bush, termine 2 13%
Obama, termine 1 6%
Obama, termine 2 25%
Trump, fino ad oggi 6%

Nota: le percentuali si basano sul numero massimo di membri del gabinetto nero che prestano servizio contemporaneamente in una data amministrazione rispetto al numero totale di membri del gabinetto in quella amministrazione.

Fonte: The White House e Inside Gov.

Pew Research Center

Il livello più alto di rappresentanza nera in un gabinetto presidenziale si è verificato durante il primo mandato di Bill Clinton, quando quattro nominati di governo su 15 erano neri. Per tutto il resto dell'amministrazione Clinton e per i due mandati di George W. Bush, la quota è rimasta elevata rispetto alla quota di neri nella popolazione degli Stati Uniti in generale. Quando Obama è entrato in carica, ha nominato un solo membro del gabinetto nero, il procuratore generale Eric Holder. Durante il secondo mandato di Obama, c'erano quattro nominati del governo nero. L'unico membro del governo nero ad essere stato nominato da Trump finora nella sua presidenza è Ben Carson, segretario per gli alloggi e lo sviluppo urbano.


Non ci sono governatori neri in carica oggi e ce ne sono stati solo quattro nella storia degli Stati Uniti. Pinckney Pinchback servì come governatore della Louisiana per 35 giorni nel 1870, in seguito all'impeachment di Henry Clay Warmoth. Virginia, Massachusetts e New York avevano ciascuno un governatore nero durante gli anni '90 e 2000: Douglas Wilder, Deval Patrick e David Paterson, rispettivamente. Gli ultimi due sono stati i primi a servire contemporaneamente, dal 2008 al 2010. Gli elettori democratici hanno nominato tre candidati neri alle elezioni primarie del 2018 in Georgia, Florida e Maryland, ma tutti e tre hanno perso alle elezioni generali.

Nota: questo è un aggiornamento di un post pubblicato originariamente il 28 giugno 2016.