2. Latinos e leadership nazionale

Chi è oggi il leader ispanico più importante nel paese?Quando viene chiesto in una domanda a risposta aperta chi è oggi il leader ispanico più importante della nazione nel paese, la maggior parte degli ispanici afferma di non sapere (62%) o di nessuno (9%).3

Questi risultati sono rimasti sostanzialmente invariati rispetto al 2010, quando in risposta alla stessa domanda aperta su chi è il leader latino più importante della nazione, il 64% degli adulti latinoamericani ha detto 'non so' e un ulteriore 10% ha detto 'nessuno' (Taylor e Lopez, 2010).


Le persone più citate nel recente sondaggio sono il giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Sonia Sotomayor e il senatore degli Stati Uniti Marco Rubio. Ciascuno è stato nominato dal 5% degli intervistati.

Il sondaggio Pew Research rivela anche che la nomina di un leader varia a seconda dei sottogruppi demografici latini. Tra i cubani, il 55% afferma di 'non sapere' (45%) o afferma che 'nessuno' (10%) è un leader nazionale per la comunità latina degli Stati Uniti. Al contrario, tra i messicani, il 74% dice 'non so' (65%) o dice 'nessuno' (9%), tra le quote più alte.


In alcuni casi, i leader nominati sono legati a gruppi di origine ispanica. Ad esempio, il 25% dei cubani ha nominato Rubio come il leader ispanico più importante nel paese oggi. Il senatore Rubio è di origine cubana e rappresenta la Florida, dove risiede il 70% dei cubani statunitensi. Tra i portoricani, il leader più nominato è il giudice Sotomayor all'11%, lei è di origini portoricane e viene dal Bronx (il 25% dei portoricani risiede nell'area metropolitana di New York-nord-est del New Jersey). Villaraigosa, l'ex sindaco di Los Angeles, è legato a Sotomayor come il leader più nominato tra gli ispanici di origine messicana. Villaraigosa è di origine messicana e il 36% dei messicani statunitensi risiede in California.

Tuttavia, la denominazione di un leader non è sempre legata all'origine ispanica. Tra i salvadoregni, il più nominato è Gutierrez, che è di origine portoricana, al 7%. Il membro del Congresso dell'Illinois lavora da molti anni per una riforma globale sull'immigrazione, motivo di preoccupazione per molti salvadoregni. Tra i dominicani, Sotomayor è il leader ispanico più nominato, seguito dal senatore Robert Menendez (D-N.J.). Nessuno dei due è di origine dominicana, ma il 62% dei dominicani statunitensi risiede a New York o nel New Jersey.

In altri sottogruppi demografici latini, i risultati sono simili. Ad esempio, tra i latini immigrati, il 60% afferma di non sapere chi sia il leader nazionale latino più importante della nazione; tra i latini nativi, il 64% dice lo stesso.



Serve un leader nazionale latino?

Quanto è importante per la comunità ispanica degli Stati Uniti avere un leader nazionale che promuove le sue preoccupazioni?Mentre la maggior parte degli ispanici non è in grado di nominare un leader nazionale, gli ispanici vedono in modo schiacciante la necessità di un leader ispanico nazionale che porti avanti le preoccupazioni della comunità ispanica degli Stati Uniti. Complessivamente, tre quarti dicono che è necessario un leader.


Questo punto di vista è sostenuto da tutti i principali sottogruppi demografici di ispanici. Ad esempio, tra i dominicani, il 90% afferma che è 'estremamente' o 'molto' importante per la comunità ispanica avere un tale leader. Tra i salvadoregni l'87% dice la stessa cosa, così come il 75% dei messicani, il 74% dei portoricani e il 70% dei cubani.

Le opinioni sulla necessità di un leader nazionale variano in base alla natività, ma la maggioranza sia dei latini immigrati che dei latini nativi dicono che è necessario. Tra gli immigrati latini, l'82% afferma che è estremamente importante (29%) o molto importante (53%) per la comunità latinoamericana avere un leader nazionale che porti avanti le sue preoccupazioni. Tra i latini nativi, il 64% dice lo stesso.


Allo stesso modo, le opinioni sulla necessità di un leader nazionale sono legate all'uso della lingua. L'85% dei latini a predominanza spagnola afferma che è estremamente (26%) o molto (60%) importante che la comunità latinoamericana abbia un leader nazionale che porti avanti le sue preoccupazioni. Tra i latini bilingue, il 74% dice lo stesso. Tra i latini a predominanza inglese, il 60% afferma che è estremamente (28%) o molto (33%) importante che la comunità latina degli Stati Uniti abbia un leader che porta avanti le sue preoccupazioni.